PET THERAPY...A CON AMORE

Nel nostro Paese si è assistito negli ultimi anni ad una grande diffusione della pet therapy. La pet therapy, giustamente rinominata con i termini di Attività e Terapie Assistite dagli Animali (AAA/T, dall’inglese Animal Assisted Activities ed Animal Assisted Therapy), merita la massima conoscenza e divulgazione possibile, grazie alle straordinarie potenzialità che presenta nel migliorare la qualità della vita e lo stato generale di benessere delle persone o nella riduzione degli effetti negativi di diverse patologie. Le Attività Assistite Dagli Animali (Animal Assisted Activities) secondo l’Istituto Superiore di Sanità, sono interventi di tipo educativo e/o ricreativo, finalizzati al miglioramento della qualità della vita. Le Terapie Assistite Dagli Animali (Animal Assisted Therapy) ancora secondo l’Istituto Superiore di Sanità sono attività terapeutiche vere e proprie, cioè con precise caratteristiche finalizzate a migliorare le condizioni di salute di un paziente mediante obiettivi specifici. Nel complesso la pet therapy si presenta come terapia dolce, non invasiva, che si basa sulla capacità di “sfruttare” al massimo gli effetti benefici che possono avere sul nostro corpo e sulla nostra psiche la presenza e soprattutto l’interazione con un animale. Adatte per bambini, adulti ed anziani, l’impiego si può realizzare nei più diversi contesti socio-sanitari, dagli ospedali alle residenze per anziani, dalle scuole alle comunità di recupero. Sia le AAA sia le AAT non possono comunque essere considerate un intervento alternativo esclusivo rispetto ai trattamenti medici tradizionali, ma piuttosto una co-terapia da affiancare a questi, in cui l’animale diviene un “co-terapeuta”, un coadiutore del lavoro svolto dal medico, psicologo, fisioterapista ecc., nella cura e nell’assistenza del soggetto.